Clisteri al Caffè Contro il Cancro

CLISTERI AL CAFFE' CONTRO IL CANCRO

dottor gerson“Non esiste cancro in un metabolismo sano” Dr. Max Gerson (1881-1959)
Il Dr. Gerson curò diverse persone con diverse malattie definite "incurabili", cancro compreso, semplicemente prescrivendo clisteri al caffé.

(A FONDO PAGINA VIENE DESCRITTA LA PROCEDURA)

Parlare di clistere, al giorno d'oggi, mette a disagio e imbarazzo molte persone nonostante, fino a non molto tempo fa, fosse una pratica spesso prescritta da medici quando si trovavano di fronte pazienti con diversi tipi di disturbi, in questo modo però le solite note case farmaceutiche non avrebbero guadagnato, così con il passare degli anni e i diversi "regalini" fatti ai medici (si, i medici in base a quanti medicinali prescrivono vengono premiati dalle case farmaceutiche con penne, block notes fino ad arrivare a pc, viaggi, convegni gratuiti..ma non mi dilungo in questo discorso se volete approfondire http://ilvasodipandora.blogautore.espresso.repubblica.it/tag/farmaci/ ) si è cominciato a prescrivere medicinali e lassativi piuttosto che un sano e salutare clistere.
Dal momento che qualche lettore potrebbe trovarsi in un momento difficile, o essere più sensibile al problema rispetto ad altri, prima di iniziare questo articolo teniamo a sottolineare, e vi invitiamo, a non incorrere in false speranze, noi riportiamo la notizia solamente a scopo informativo.

La terapia nutrizionale del Dottor Max Gerson per la guarigione e prevenzione del cancro e di altre malattie “incurabili” è un approccio di fondo al problema delle malattie croniche. Gerson osserva che “ristabilendo il meccanismo risanatore del corpo”, cioè correggendo le turbe del metabolismo basale che permettono lo sviluppo delle malattie croniche, tutti i sistemi dell'organismo possono venire riportati al giusto funzionamento. Il corso delle malattie croniche, cancro incluso, può così venire invertito. Egli sostiene che nel cancro è decisivo il mutamento del quadro patologico generale, e non sintomatico. In altre parole il cancro è una malattia non-specifica, e di conseguenza anche la terapia è non-specifica. Viene usata con pazienti di ogni età, affetti da ogni tipo di cancro, e può venire modificata per il trattamento di malattie croniche non maligne.
Il dottor Gerson dimostrò la fondatezza delle sue tesi curando moltissimi casi di cancro con una dieta biologica e una disintossicazione rigorosa in grado di riequilibrare il metabolismo corporeo, alterato da fattori ambientali e da errate abitudini dietetiche.

Oggi la ricerca ha confermato le scoperte di Gerson sui benefici terapeutici e preventivi di ortaggi e frutti, nessuno può più negare il legame tra alimentazione e cancro. Rimangono da sfatare solo i pregiudizi contro un altro elemento fondamentale della sua terapia: la disintossicazione dell'organismo malato attraverso i clisteri al caffè.

Quando il dottor Gerson si trovava di fronte a pazienti terminali malati di cancro definiva il loro intero apparato digerente avvelenato. Secondo lui la cosa più importante era "disintossicare", ha notato che i pazienti terminali in stato avanzato faticano a mangiare, non producono succhi gastrici, il fegato e il pancreas non funzionano, niente è attivo. Quindi bisognava partire dall'intestino per disintossicare, in una conferenza del 1956 in California disse "Il primo passo importante è la disintossicazione. Prima davamo diversi tipi di clisteri. Nella mia esperienza il più efficace è quello al caffè.”.

I clisteri al caffè permettono di assorbire enormi quantità di vitamina A, che come si sa questa vitamina ha un ruolo vitale nella funzione immunitaria, così Gerson nella sua terapia prevedeva l'assunzione di un gran numero di succhi di carote e verdure.

Usato insieme alla dieta e ai succhi il clistere al caffè è un agente terapeutico unico. Bere il caffé non è la stessa cosa e produce un effetto perfino contrario favorendo l'intossicazione.

Gerson scoprì anche che i clisteri al caffè riducevano notevolmente i dolori, notò infatti che prescrivendo ai pazienti un clistere ogni 4 ore avevano sollievo, per i casi più gravi si poteva arrivare fino a 1 clistere ogni 2 ore con risultati stupefacenti, infatti smettevano di utilizzare antidolorifici, anestetici, oppiacei o morfina, perché con i clisteri il dolore diminuiva o spariva.
Inoltre smettendo di prendere medicinali il corpo non si sarebbe più intossicato permettendo così un più efficace riequilibrio del corpo.

Queste sono le parole di Gerson "I pazienti affermavano che ne provavano beneficio...Mi resi conto che, per disintossicare il corpo, non potevo somministrare come sedativi farmaci e tossine. Dovevamo mettere da parte i farmaci e questo fu un problema molto difficile. Un paziente mi disse che doveva prendere un granulo di codeina ogni due ore e in più prendeva iniezioni di morfina… Come toglierle, queste cose? Gli dissi che il miglior sedativo è un clistere al caffè ogni quattro ore.

Dopo pochissimo tempo dovette darmi ragione. Alcuni pazienti che avevano dolori fortissimi non prendevano un clistere ogni quattro ore, ma ogni due! Ma niente farmaci. Pazienti che stanno assorbendo grossi tumori puntano la sveglia durante la notte per un clistere altrimenti vengono avvelenati dall'assorbimento di queste masse. Se gli do solo due o tre clisteri entrano in coma hepaticum e muoiono avvelenati. E anche clisteri più numerosi non bastano. Do a loro olio di ricino per bocca e per clistere a giorni alterni. Dopo due settimane non riconoscereste più questi pazienti. Alcuni sono arrivati sulle barelle e ora camminano. Torna l'appetito, aumentano di peso e i tumori regrediscono.”

Negli anni i ricercatori hanno potuto osservare che introducendo un litro di caffè bollito nel colon porta ai seguenti benefici:

1) Diluisce il sangue portale e, di conseguenza, la bile.
2) Teofillina e teobromina, costituenti importanti del caffè, dilatano i vasi sanguigni e contrastano l'infiammazione dell'intestino.
3) I palmitati nel caffè aumentano glutatione S-trasferase, responsabile per l'eliminazione di molti radicali liberi dal siero.
4) Il liquido stesso del clistere stimola il sistema nervoso viscerale, aumenta la peristalsi e il transito di bile - tossica ma diluita - dal duodeno fino all'uscita del retto.
5) Siccome il clistere stimolante deve essere trattenuto fino a quindici minuti, e siccome tutto il sangue passa attraverso il fegato quasi ogni 3 minuti, il clistere al caffè rappresenta una forma di dialisi del sangue attraverso la parete dell'intestino.

A parte rarissime eccezioni, i pazienti si rivolgevano a Gerson in condizioni disperate dopo che tutti i metodi ortodossi erano falliti ed essi erano stati giudicati inguaribili. In quasi tutti i casi i dolori sono stati alleviati rapidamente o sono scomparsi, senza somministrazione di analgesici. Un medico ha osservato che anche se questo fosse stato l'unico beneficio, la terapia Gerson sarebbe dovuta diventare obbligatoria in tutti gli ospedali.

PROCEDURA

Anche se non si è malati è possibile, e utile, fare questo tipo di terapia per ripulire il corpo da tutti i rifiuti che vengono accumulati durante il giorno.

Per farlo basta mettere 3 cucchiai di caffè macinato (preferibilmente biologico per ovvi motivi) in un litro d'acqua e farla bollire per 3 minuti, poi continuare a fuoco lento per 20 minuti. Coprire con un coperchio e attendere che l'acqua arrivi a temperatura corporea.
Ora mettere il caffè ottenuto in una borsa per clisteri. La posizione migliore mentre si fa il clistere è in ginocchio con la testa appoggiata sul pavimento.
Dopo che il liquido è stato inserito nel corpo bisogna sdraiarsi sul fianco destro per 15 minuti prima di evacuarlo. Se non si dovesse sentire il bisogno di evacuarlo dopo 15 minuti non è un problema, si potrà riprendere con le normali attività fino a quando non si sentirà lo stimolo.

Si consiglia prima di fare un clistere al caffè di ripulire il colon con 2-3 clisteri tradizionali (solo acqua).
Gerson ha scoperto che tutta la caffeina viene assorbita entro 12 minuti circa. La caffeina passa attraverso le vene emorroidali direttamente nelle vena portale e quindi nel fegato.

IMPORTANTE: Questo articolo è a puro scopo informativo, nel caso vogliate seguire la procedura riportata in questo articolo parlatene prima con il vostro medico.

fonti
http://www.disinformazione.it/clisteri_gerson.htm
http://www.informarmy.com/2010/03/cancro-i-clisteri-al-caffe-del-dr.html

Informazioni aggiuntive